Lavorazione Ingrosso Produzione Vendita Cioccolatini al vino Verona Veneto     Lavorazione Ingrosso Produzione Vendita Cioccolatini al vino Valpolicella Negrar

English
 

CURIOSITA’


Origine del cacao


Il cacao si estrae dal frutto di un albero, conosciuto scientificamente come Theobroma Cacao, appartenente alla famiglia delle Sterculiacee; ve ne sono di molte specie, ma soltanto tre sono quelle coltivate per produrre il cacao migliore:
Creolo: coltivato soprattutto in America Centrale e Meridionale, è la qualità più delicata, ma produce il cacao più fine.
Forestiero: originario dell’ alta Amazzonia, è il cacao africano per eccellenza, ma viene coltivato anche in Brasile, nelle Antille, in America Centrale. E' molto più resistente del Creolo, cresce più velocemente e produce un gran numero di frutti.


Perchè si dice "figura da cioccolataio" ?


Il celebre modo di dire deriva da un singolare episodio avvenuto nel 700: un cioccolataio o cioccolatiere (come si diceva all’ epoca) che aveva fatto fortuna volle ostentare il proprio benessere facendo attaccare alla propria carrozza ben sei cavalli, cioè un traino pari a quello di un nobile. Ma il Duca del luogo, non volendo fare la "figura del cioccolataio", decise immediatamente di farsi aggiungere un’altra coppia di cavalli per distinguersi.


Da sempre cioccolato come afrodisiaco


La consapevolezza degli effetti afrodisiaci del cioccolato è nata secoli fa, e tuttora, per quanto non siano ancora stati fatti degli studi specifici sull’ argomento, gran parte della critica ne inneggia i benefici.

Per esempio, con l’idea che il cacao fosse afrodisiaco (lo aveva sostenuto anche un esimio medico di corte inglese), Madame du Barry, favorita di Luigi XV lo offriva ai suoi amanti per esaltarne gli incontri.

Si dice anche che il più grande amante di tutti i tempi, Casanova, lo raccomandava prima e dopo le fatiche d’ amore alle sue fanciulle più o meno occasionali, oltre che gustarselo quotidianamente vedendolo come salvaguardia del suo vigore.

BENEFICI


Ancora oggi molte persone hanno una forma di scetticismo nei confronti del cioccolato, additandolo erroneamente come causa di brufoli, carie e aumenti di peso. La verità è che il cioccolato puro, quello artigianale non trattato con alcun conservante, è tra gli alimenti con più benefici...
  • Cioccolato e memoria
    Il cioccolato è un amico per la nostra memoria, infatti il "cibo degli Dei" contiene il doppio del fosforo rispetto al pesce, pari a 0,62 grammi ogni etto, oltre a contenere anche acido fenico che evita l’ ispessimento delle arterie.

  • Cioccolato ed allergie
    Meno del 2% dei soggetti che soffrono già d’ allergie (asma, riniti, orticaria) possono essere suscettibili di reazioni allergiche da cioccolato.
    In una scala decrescente di alimenti che possono scatenare reazioni allergiche in seguito ad iperconsumo abbiamo: pesce, uova, crostacei, latte vaccino, sedano, fragole, leguminose, farina di grano, arachidi, mitili, carne di manzo, patate e per ultimo il cioccolato.

  • Cioccolato e depressione
    Non è il solito luogo comune: il cioccolato è sicuramente tra i migliori antidepressivi in circolazione.
    Il cacao contiene infatti endorfine e teobromina; le prime contrastano il dolore e predispongono al piacere, mentre la seconda migliora la concentrazione e la prontezza dei riflessi. Il vero asso nella manica del cioccolato però è il suo potere di stimolare la produzione di serotonina, una preziosa sostanza che agisce al livello celebrale ed ha la capacità di infondere calma e migliorare l’ umore.

  • Cioccolato e brufoli
    E' ormai appurata la teoria che i regimi alimentari non giocano un ruolo primario nei pazienti affetti da acne e l’ ingestione di grandi quantità di cioccolato clinicamente non influisce sull’ evoluzione dell’ acne e sulla produzione e composizione del sebo.